Codici Bianchi: la gestione intelligente delle non urgenze

Uno strumento unico, pensato per trattare le non urgenze in modo efficace, per un servizio più rapido ed efficiente, con meno sprechi e più qualità.

Progettato insieme a PrioritySolutions™, LowCode™ è un software unico per funzionalità, in grado di identificare e classificare i casi sanitari non urgenti e trattare correttamente le fasi di colloquio con il paziente. I benefici che comporta sono tangibili sia per il cittadino sia in termi di ottimizzazione delle risorse sanitarie.

LowCode™ risolve finalmente uno dei grandi problemi della valutazione dei casi di soccorso, attraverso un supporto decisionale efficace, celere e di grande prestigio.

A chi è rivolto:

  • Centrali di Emergenza 118
  • Guardia Medica e Continuità Assistenziale
  • Medici di Medicina Generale e loro aggregazioni
  • Strutture di Pronto Soccorso
  • Aziende fornitrici di sistemi informativi per l’Emergenza

Il problema

Si stima che i Codici Minori (o Codici Bianchi) riguardino il 23% degli interventi del 118 e costituiscano una percentuale di gran lunga maggiore dei casi di Pronto Soccorso. Le situazioni di non urgenza sono anche caratterizzate dal significativo tempo necessario per identificare la patologia e risolvere il problema. La scarsa casistica storica e la frequente sovrastima delle patologie classificate come Codici Verdi ma in realtà di minore gravità complicano ulteriormente il problema e portano a una facile saturazione delle strutture progettate per le reali emergenze.
La difficoltà della materia è sempre stata quella del delicato equilibrio tra ottimizzazione delle risorse e mantenimento delle qualità di servizio ai cittadini.

La soluzione: LowCode™

LowCode™ è la soluzione efficace per la gestione dei Codici Bianchi. Gli strumenti offerti permettono di creare una corrispondenza affidabile tra l’anamnesi rilevata e la reale necessità medica. I tempi di valutazione diminuiscono drasticamente, grazie all’impiego di algoritmi di valutazione precisi ma sempre rispettosi della competenza professionale dell’operatore.
Per i pazienti ciò significa maggiore qualità, poiché vengono indirizzati verso le strutture più competenti, strutture meno sature e un conseguente miglior servizio. Per il sistema sanità significa ottimizzazione delle risorse, meglio indirizzate, risparmio e un processo di valutazione standardizzato, con un prezioso patrimonio di casistiche correttamente classificate.

Come funziona:

  • Utilizza algoritmi di valore internazionale per identificare il reale stato di salute del paziente
  • Funziona bidirezionalmente, abbassando l’urgenza dei casi sovrastimati e riconoscendo le emergenze nei casi erroneamente sottovalutati
  • Impiega i protocolli ECNS (Emergency Communication Nurse System™)
  • Si basa su matrici che mettono in relazione le fasi di intervista con informazioni e istruzioni cliniche
  • Le matrici di valutazione si adattano al contesto specifico e possono essere calibrate a seconda delle esigenze
  • La discrezionalità del personale medico e infermieristico è incentivata e l’autonomia decisionale viene sempre preservata
  • Ogni caso viene tracciato sia per una successiva gestione, sia per l’arricchimento delle casistiche necessarie alle future valutazioni